Translate

lunedì 23 gennaio 2012

San Francisco chiama Roma

La parte più interessante del servizio di Iacona su RAI 3, "Immondizia zero", è stata l'ampia documentazione su come San Francisco, una grande città con oltre 600.000 abitanti, in 10 anni sia riuscita a raggiungere il 78% di raccolta differenziata, facendo a meno di inceneritori e gasificatori.
Comunque, a ben vedere, anche San Francisco può fare ancora meglio e di più sul recupero e riutilizzo dei propri materiali post consumo. Il sistema di compostaggio a cumulo utilizzato dalla città californiana, mi sembra ancora "primitivo" e possibile solo se sono disponibili ampi spazi. Poichè dubito che tutto l'umido sia intercettato dal bidoncino verde dei  " magnifici tre" ( i tre contenitori con cui si effettua la raccolta differenziata), un trattamento meccanico biologico della frazione indifferenziata, con inertizzazzione della frazione organica residua, permetterebbe un migliore riciclo.
Una sola critica a Iacona, non si fa nessun cenno al compostaggio domestico a San Francisco :-). E dire che una dozzina di anni fa proprio questa esperienza californiana mi ha convinto che dovevamo provarci anche a Genova.
A proposito, a fine 2011 a Genova erano 3500 le famiglie che ufficialmente risultavano fare compostaggio in città. Mi sa che su questa voce, Genova batte San Francisco!
In quanto alla situazione romana in tema di gestione dei materiali post consumo un commento nel prossimo post.