Translate

martedì 22 gennaio 2008

Conflitti di Interesse

Nell'ultimo mio post riguardante il possibile conflitto di interessi del prof.  Veronesi nelle sue tranquillizzanti valutazioni sui termovalorizzatori, rilasciate a "Che Tempo che Fa" ( Terza rete RAI) , volutamente non avevo segnalato la multinazionale Veolia Environnement (di origine francese)  tra i partner della Fondazione Veronesi, in quanto questa azienda si occupa di diversi settori di interesse ambientale e, per quanto riguarda la gestione dei rifiuti, copre tutta le possibilità, compreso il riciclo.



http://www.veoliaenvironnement.com/en/



Le notizie che mi hanno inviato gli amici "sanniti" mi hanno fatto capire che sono stato troppo prudente: qualche mese or sono la Veolia Italia ha acquistato l'Energonout, l'azienda che gestisce l'inceneritore di Pozzilli ( Isernia) che, nato come un innocuo impianto a biomasse, a partire dal 2008, brucerà 85.000 tonnellate all'anno di combustibile da rifiuto. A quanto pare altri impianti simili seguiranno, con la benedizione del prof. Veronesi.

La stessa Veolia, tramite la società Tecnoborgo ( di cui detiene il 49% del capitale) è entrata nel grande affare della termovalorizzazione dei rifiuti urbani e speciali della provincia di Piacenza.www.e-gazette.it/index.asp?npu=74&pagina=1

Postato da: federico46 a 11:59 | link | commenti
ambiente, ambiente e salute

lunedì, 21 gennaio 2008
Conflitti di interesse in TV
Domenica sera, una simpatica serata tra amici mi ha fatto perdere l'usuale appuntamento con "Che tempo che fa".

Mi dicono che mi sono perso un interessante confronto tra il meteorologo Mercalli che ha espresso critiche all'incenerimento dei rifiuti e il prof. Veronesi,che, intervistato subito dopo, ha espresso tranquillizzanti parole sull'innocuità dei moderni inceneritori.

A chi credere?

Mi permetto di suggerire al conduttore che la prossima volta chieda che i suoi ospiti, prima del loro intervento, facciano sapere agli ascoltatori se, in merito all'argomento che tratteranno, esistono personali conflitti d'interesse.

Non è una richiesta stramba. Da tempo, è prassi normale che chi pubblica un articolo scientifico e/o fa una conferenza dichiari l'assenza o la presenza di conflitti di interesse.

Nell'episodio di ieri a "Che tempo che fa", ignoro se Mercalli nel suo intervento critico nei riguardi dell'incenerimento abbia avuto conflitti di interesse.

Ho invece il forte sospetto che un conflitto di interesse ieri il prof. Veronesi lo abbia avuto. Basta andare a vedere l'elenco delle aziende ( http://www.fondazioneveronesi.it/partners.html) che supportano  come partner la sua fondazione.

Tra le tante,  l'ACEA, azienda romana che insieme alla distribuzione dell'acqua e del gas si sta attrezzando per entrare nel remunerativo settore della termovalorizzazione di rifiuti e biomasse (http://www.aceaspa.it/pagine/ACEA_1056.asp) .