Translate

domenica 24 giugno 2012

Differenziata sullo scoglio "La Fontana"

Dopo un primo fine settimana di fuoco, con i bagnanti in cerca dei "cassonetti spariti" causa adozione del Porta a Porta e le spiagge di Bogliasco e zone limitrofe oggetto di "discariche abusive " di lattine, bottigliette, coppe gelato, il Comune è corso ai ripari e ha fatto installare dei bidoncini per la raccolta differenziata sulle spiagge pubbliche e sulle scogliere dove molta gente, compreso il sottoscritto, si trova una nicchia nella roccia dove sdraiarsi a prendere il Sole.
Nel punto di accesso del mio scoglio preferito, la Fontana, sotto un terrazzo sono stati posizionati ben 4 bidoncini per la raccolta differenziata.
La sorpresa è stata che non c'erano scritte che spiegassero che cosa conferire in ognuno e inoltre non c'era corrispondenza con i colori usati per i contenitori stradali.
A questo punto, in qualità di " ANGELO DEL RICICLO", per autonominazione, ho attaccato un bel post-it su ogni bidoncino con l'indicazione di cosa mettere dentro ad ognuno.
L'iniziativa è stata apprezzata: quattro bambine di passaggio con la loro mamma hanno visto i bidoni, la più piccola ha detto "che bello" e poi una dopo l'altra hanno aperto tutti i bidoni per vedere che cosa c'era dentro; una signora che stava andando via ha visto i bidoni, letto i Post-it e ha tirato fuori dalla borsa due bottiglie vuote e le ha messo nel contenitore giusto; un signore ha controllato il modo con cui i bidoni erano attaccati al muro; una coppia si è fermata e la ragazza ha fotografato i Post.it, vedrò le foto su Twitter; un'altra signora, dopo aver letto il Post.it, ha messo nel contenitore giusto (secco non riciclabile ) i mozziconi di sigarette che aveva tenuto da parte.
Un mio controllo visivo a fine giornata confermava che ogni cosa era stata messa la suo posto.
L'indomani arrivo alla Fontana, insieme all'operatore della IdealService la società a cui il Comune di Bogliasco ha affidato il servizio di raccolta e con orrore vedo che mette tutti gli scarti presi da ciascun contenitore dentro un unico sacco. Alle mie rimostranze farfuglia che sono ordini superiori che avrebbe dato il mio Sindaco. Gli dico che dubito che il mio Sindaco abbia fatto questa sciocchezza in quanto ora ci tocca pagare le spese per la discarica (107 euro a tonnellata). Messo in difficoltà ammette  che sono le disposizioni della sua società che non ha personale sufficiente.
Per fortuna a quell'ora c'erano pochi bagnati e nessuno si è accorto dell'operazione che da sola avrebbe potuto vanificare mesi di lavoro.
Con il mio bravo Iphone ho mandato subito una mail al vicesindaco che ha la delega dei rifiuti, con una breve nota sull'accaduto. Al momento non ho ricevuto risposta.
Vi tengo al corrente.