Translate

venerdì 15 agosto 2008

Le MIniere di Re Salomone

Su i giornali di questi giorni la notizia che in Inghiterra stanno pensando che valga la pena recuperare tutta la plastica che sconsideratamente gli Inglesi hanno sepolto nelle loro discariche nei decenni passati. Al prezzo che oggi hanno le plastiche, il cui costo è lievitato insieme a quello del petrolio da cui le plastiche si producono, in tutte le discariche è seppellita una vera fortuna.

L'idea non è del tutto originale e già negli Stati Uniti, le vecchie discariche, nelle quali si trovano giornali stampati negli anni '50 ancora perfettamente leggibili, sono utilizzati come fonte energetica per alimentare alcuni inceneritori.

Questa non mi sembra per niente una bella idea, anche se , purtroppo per loro, è quanto vogliono fare in Val D'Aosta per alimentare il solito termovalorizzatore, che con i pochi scarti prodotti dai valdaostani, non avrebbe alcun senso, dal punto di vista economico, se non ci fosse la garnde vecchia discarica di Aosta da bonificare con il sacro fuoco.

Incenerire le vecchie discariche non mi sembra una bella idea perchè nelle nostre discariche c'è andato a finire di tutto e metterci le mani potrebbe portare butte sorprese.

Mi sembra più intelligente, come si comincia a fare anche in Italia, gestire le attuali discariche per recuperare a fini energetici il metano che si sviluppa naturalmente per fermentazione anaerobica degli scarti biodegradabili, un processo destinato a durare 10-20 anni. Poi, con le dovute attenzioni, valutere l'opportunità di recuperare tutti i metalli ( ferro, alluminio e rame) che sconsideratamente abbiamo buttato via nelle discariche,in quei pochi anni di vacche grasse, ormai belli che andati.

Sulla possibilità di recuperare sacchetti di plastica e altri manufatti di questo materiale ,ho diverse perplessità sulle reali possibilità di un loro riuso: si tratta di plastiche sporche, di tanti tipi diversi  mescolati tutt'insieme, probabilmente già in parte depolimerizzati.

Molto meglio cominciare a pensarci oggi a non sprecare tutta la plastica che non riusciamo a riciclare, ripulendola e separandola con trattamenti meccanico biologici e stoccando in modo differenziato questi scarti ( a prevalente composizione cellulosica, a prevalente composizione polimerica) in attesa che diventino commerciabili le tecniche di recupero di questi materiali ( bioetanolo e gasolio)che in tutto il mondo si stanno studiando e che in parte sono già uscite dalla fase di impianti pilota.