Translate

martedì 19 agosto 2008

Differenziata al Sole

L'altra sera, sulla terza rete TV, una bella lezione di come si fa la raccolta differenziata Porta a Porta.

L' "aula" è stata la telenovela " Un Posto al Sole" e il fatto che i personaggi e l'ambientazione sia proprio Napoli ha dato maggiore enfasi a questa scelta, certamente non casuale.

Raffaele, il portiere di casa Palladini, il condominio  dove si intrecciano le vicende dei suoi abitanti, sorprende uno dei giovani inquilini mentre  lascia il sacchetto dei rifiuti a terra vicino ai contenitori della differenziata. E il malcapitato, sorpreso sul fatto, non solo si becca una ramanzina da parte del portiere sulla sua mancanza di senso civico e sui doveri di un genitore di garantire un futuro ai propri figli, ma deve subire anche una efficace lezione di differenziazione: i tappi metallici devono essere separati dai contenitori in vetro, le bottiglie di plastica vanno prima schiacciate e poi chiuse con il loro tappo.

Diciamo che era l'ora che la televisione di stato si accorgesse di quale potente strumento ha in mano per far passare messaggi di pubblica utilità.

E speriamo che la cosa continui. Visto che Raffaele è anche un ottimo giardiniere che cura con attenzione il giardino condominiale, sarebbe bella una prossima puntata "leggera" incentrata sulla decisione  del condominio di fare compostaggio domestico. Non so se Minoli, l'ideatore di questa serie, è uno dei tanti lettori di questo Blog, ma chi può gli faccia arrivare questa proposta.

Intanto, a Napoli, a quanto pare, i portierti veri sono i protagonisti del successo della raccolta porta a porta avviata nel quartiere di colli Aminei ( 22.000 abitanti).

A quasi due mesi dall'avvio si conferma che la raccolta differenziata in questo quartiere ha raggiunto il 77%.

Non mancano i problemi, le polemiche, ma se conosco bene i miei paesani, da Napoli potrebbero arrivare belle sorprese.

Postato da: federico46 a 08:03 | link | commenti (5)
ambiente e società, vedi napoli


Commenti:
#1  19 Settembre 2008 - 09:12
 
EFFETTIVAMENTE dottore devo dirle che in giro c'è un po di confusione....nel senso che si parla molto di differenziare ma pochi "spiegano bene" come farla; a tal proposito le sarei grato se potesse scriverci un bello schemino sul dove mettere o non mettere i tappi, cosa va nel PET e cosa no, quali tipi di carta possono essere riciclati e quali no (es accoppiati alluminio etc..), dove mettere i contenitori tetrapack...
le assicuro che faremo poi in modo tramite i blog di far girare questo documento il piu possibile.

grazie come sempre.
Utente: 1KONAN Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. 1KONAN
#2  19 Settembre 2008 - 10:02
 
Caro Konan mi dai una bella responsabilità. Il fatto è che la confusione non è casuale.
Il CONAI rimborsa i comuni solo per la quota imballaggi raccolti in modo differenziato. Questo vuol dire, ad esempio, che oggetti in plastica che non sono imballaggi ( penne, giocattoli, CD..) non avendo pagato la tassa CONAI non ricevono contributi una volta raccolti in modo differenziato e quindi non ci sono incentivi economici per la loro separazione, anche se questi oggetti sono in gran parte riciclabili.
L'altro elemento di confusione è dato da che cosa c'è dopo la raccolta differenziata. Spesso, temo , che non ci sia nulla.
In realtà dopo la differenziata ci deve essere il riciclo che richiede trattamenti meccanici in grado di raffinare gli scarti raccolti, ad esempio per separare le plastiche in base alla loro composizione chimica o per il loro colore, in base alle richieste del trasformatore, riciclatore finale.
Tuttavia per le nostre normative c'è anche l'incenerimento, dove certamente va il 50% delle plastiche miste raccolte in modo indifferenziato, con la scusa che non possono essere riciclate.
Comunque oltre l'80% dei nostri scarti domestici, compresi gli scarti di cucina è riciclabile o compostabile, ovvero è richiesto dal mercato per la produzione di nuovi manufatti. L'esperienza di Italia Nostra ( Cittadini IN RETE per il riciclo) ha dimostrato che le famiglie italiane sono in grado di separare mediamente l'86% dei loro scarti in modo finalizzato al riciclo. Potrai trovare i dettagli di questo studio nel file dei Media di questo blog.
Come organizzare la propria casa per una razionale raccolta differenziata finalizzata al riciclo potrà essere l'oggetto dei miei prossimi post.
Utente: federico46 Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. federico46
#3  19 Settembre 2008 - 21:34
 
In effetti spesso è difficile decidere dove buttare alcuni tipi di plastica o altri materiali. Io sto cercando di tagliare la testa al toro evitando di comprarli. Si, nel mio piccolo sto tentando un vero e proprio boicottaggio verso alcuni prodotti. In famiglia siamo in 4 e accontentare tutti non e sempre facile ma con un po' di attenzione, ricerca e fai da te ci si può riuscire. Succhi di frutta, conserve etc. solo in bottiglie di vetro, yougurt fatti in casa, detersivi e saponi alla spina ... sono arrivata a chiedere al macellaio del supermercato di incartarmi la carne anzichè darmela nei vassoi di polistirolo, mi ha guardato come fossi una pazza ma ora ci si è abituato!!
Giulia -Bs
utente anonimo
#4  20 Settembre 2008 - 16:46
 
Anche noi, per esempio, andiamo a comprare frutta e verdure con le nostre borsine e non ne vogliamo di nuove (appena ci vede il negoziante, albanese, pensa e dice la parola "plastica" e alla cassa approfittiamo per parlare del nostro bell'inceneritore e di Montanari. Io sono andata ieri a parlare con l'assessore del mio paese che mi ha dato una lista interessante. Dove va la nostra differenziata? ecco la lista:
CARTA/CARTONE - O.R.C. srl, Cellatica-Bs, 030320081/82, 030322259.
IMBALLAGGI PLASTICA - Montello spa-Bg, 035689111; - Vedetto recuperi srl-Cr, 0372844482; Ghirardi srl-Parma, 0521251393; 2C di Chiari-Montichiari Bs (?).
IMBALLAGGI IN FERRO E METALLO, raccolta e lavorazione - Val Ferro srl-Prevalle Bs, 0306801485.
IMBALLAGGI IN VETRO (e metalli ferrosi), Tecnorecuperi srl - Bs, 029648271.
LEGNO, Ecolegno Bs, 0302310537.
BIODEGRADABILI, Paradello green-Rodengo Saiano Bs, 030611831/030610260; Falappi green - Castegnato Bs, 0302721344.
INGOMBRANTI, Aprica Spa (contenitori raccolta del gruppo A2A, purtroppo), AsM Bergamo.
Gemma
Brescia
utente anonimo
#5  21 Settembre 2008 - 17:25
 
Sulla questione della discarica sul Formicoso in Alta Irpinia (AV), visitate il mio blog http://www.gallicchiopasquale.splinder.com

Grazie. PG
Utente: gallicchio Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. gallicchio