Translate

giovedì 23 agosto 2012

Superati i limiti di crescita?


Sto leggendo “I nuovi limiti dello sviluppo. La salute del pianeta nel terzo millennio”.

E’ stato un gradito regalo degli amici di Parma, in cambio di una mia intervista sulle alternative al loro inutile inceneritore.

E’ una lettura che vi raccomando ( Autori D. Meadows , J. Randers. Oscar Saggi Mondadori), anche per la chiarezza del testo, di facile comprensione e ovviamente per l’attualità dell’argomento.

E’ il terzo aggiornamento di “ The Limit to Growth “ (I Limiti della Crescita) del 1972 e quest’anno dovrebbe uscire il quarto aggiornamento.

Notizia di ieri che i consumi mondiali avevano già utilizzato le risorse rinnovabili del Pianeta (cibo, acqua…) e che quindi abbiamo con anticipo, rispetto all’anno scorso,  superato i limiti per uno sviluppo sostenibile.

Vi trascrivo un brano del libro, a mio avviso, illuminante:

“In che modo la società può capire se è già nella fase di superamento dei limiti?
·      Capitale, risorse, lavoro sono dirottati verso attività che suppliscono alla perdita di servizi che prima erano forniti senza alcun costo dalla natura (esempi: trattamento delle acque, depurazione dell’aria, regolazione acque di piena, ripristino dei nutrienti del suolo…)
·      Capitale, risorse e lavoro sono dirottati dalla produzione di beni verso lo sfruttamento di risorse più scarse, più lontane, situate più in profondità.
·      I meccanismi naturali di depurazione dell’inquinamento smettono di operare; i livelli d’ inquinamento aumentano.
·      Il deprezzamento del capitale supera gli investimenti e la manutenzione è ritardata; le infrastrutture di lunga durata si deteriorano.
·      Vi è una domanda crescente di capitale, risorse e lavoro da parte del settore militare o dell’industria per avere accesso, impadronirsi e difendere risorse sempre più scarse.
·      Gli investimenti in risorse umane (educazione, servizi sanitari, alloggi) vengono ridotti per soddisfare i bisogni di consumo immediato o per pagare i debiti.
·      I debiti ammontano ad una percentuale crescente del prodotto annuo reale.
·      La preoccupazione, per la salute e l’ambiente, diminuisce.
·      Cambiano i modelli di consumo, poiché la popolazione non può più pagare il prezzo di ciò che desidera, e acquista ciò che si può permettere.
·      Diminuisce la fiducia negli organi di governo pubblico, sempre più nelle mani di élite.
·      I sistemi naturali sono sempre più caotici, con disastri naturali più frequenti e più gravi.

Avete notato qualcuno di questi sintomi nel vostro “ mondo reale”?”

Vi ricordo che questa pagina è stata stampata nel 2004.