Translate

martedì 3 aprile 2012

Come differenziare l'organico senza problemi 3)


Ed eccoci alla parte più difficile: come differenziare le interiora di pesce.
Prima regola: prevenire.
E' una regola alla portata di tutti.
Tutti i negozi di pesce, senza oneri aggiuntivi, offrono al cliente la pulizia del pesce comprato.
E ovviamente sono i gestori del negozio o del banco del pesce che si organizzano per differenziare gli scarti raccolti senza problemi per se e per i clienti.
Ci sono, tuttavia, i pescatori più o meno dilettanti e chi va a comprare il pesce direttamente dalle barche dei pescatori.
In questo caso, se si ha la fortuna di vivere ai bordi di un mare pulito, la pulizia del pesce si può fare direttamente in mare e gli scarti, diventati cibo per i tanti animali che popolano scogli e spiaggie, rientrano rapidamente nel ciclo della vita.
Per chi non ha il mare pulito, resta il lavello di casa.
Sotto un getto di acqua, il pesce viene pulito e le interiora, le teste, le lisce, messe in uno scolapasta si rischiaquano bene con acqua corrente. Si lascai scolare per una mezzoretta e sul lavello asciutto si stendono due fogli di giornale. Si pone sul giornale uno strato di pezzi di carta, meglio carta assorbente da cucina, e su questo strato si depongono le interiora. Si ricoprono bene le interiora, con altri pezzi di carta, si arrotola il cartoccio, lo si mette dentro un sacchetto del pane che, a sua volta, si mette dentro il sacchetto compostabile che  viene chiuso bene. Fate tutte queste operazioni con le mani ben pulite, per evitare di lasciare tracce di pesce suglle superfici esterne.
Si lava bene con sapone il lavello, la vasca, lo scolapasta e tutti gli utensili usati e il gioco è fatto.
Provare per credere, per due, tre giorni neppure il viostro gatto si accorgerà di quante leccornie sono custodite ad un passo delle sue zampette.
A dir la verità se avete un gatto, il modo migliore di togliervi gran parte del  problema e ridurre la vostra produzione di scatolette per gatti, è fargli tornare la nostalgia del vostro micio per il suo atavico istinto di caccia, dandogli da mangiare gli avanzi del pesce, ovviamente senza "strafocarlo" e stando bene attenti a togliere le lisce.
Al prossimo post la variante per chi fa compostaggio.