Translate

sabato 24 novembre 2007

Strage di Ombrelli

E finalmente è arrivato l'inverno, con l'effetto collaterale di un improvviso aumento della produzione di rifiuti della città: centinaia di ombrelli ed ombrellini distrutti dalle folate di vento e che ora mestamente spuntano dai cestini dei rifiuti, dove i loro bagnati padroni li hanno diligentemente riposti per l'avvio alla loro ultima dimora.
Riflessioni:
a) oggi più di ieri un ombrellaio avrebbe (teoricamente) opportunità di lavoro
b) siamo veramente così ricchi da buttare via un pò di euro, ogni volta che piove, per acquistare ombrellini usa e getta?
c) non sarà che tutta l'energia che impieghiamo per avere un clima artificiale nelle nostre case, nei nostri uffici, nelle nostre automobili ci ha fatto perdere le nozioni necessarie per affrontare senza problemi il mal tempo?

Consigli:
-Compratevi un ombrello vero, bello robusto, di tela spessa e portatevelo dietro tutte le volte che le previsioni del tempo minacciano pioggia.
- Riscoprite anche impermeabili, cerate, scarpe da pioggia
- Allenatevi a chiudere l'ombrello quando arrivano le folate di vento, gli allungherete la vita e non vi bagnerete di più ( col vento non c'è ombrello che tenga, la pioggia arriva quasi orizzontale)

Postato da: federico46 a 06:45 | link | commenti (2)
ambiente e società, rifiuti zero


Commenti:
#1  23 Novembre 2007 - 12:13
 
Si parte da piccoli gesti per arrivare sempre a grandi risultati.

ciao
Utente: sacchett Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. sacchett
#2  26 Novembre 2007 - 21:05
 
...parole sante!!!
Per chi non vuole avere un potenziale "fastidio" come l'ombrello, suggerisco le splendide mantelline che si indossano durante le escursioni e i trekking in montagna. Utilissime anche in ambiente...urbano.
Provare per credere!
David
Utente: tritoneOV Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. tritoneOV