Translate

venerdì 16 novembre 2007

Fotovoltaico da Record

A Brandis, nell'Est della Germania è entrata in funzione il più grande impianto fotovoltaico al mondo.
Attualmente l'impianto ha una potenza di picco di 6 milioni di watt che diventeranno 40 milioni di watt nel 2009, quando l'intero impianto sarà realizzato.

http://www.juwi.de/international/information/press/PR_Solar_Power_Plant_Brandis_2007_02_eng.pdf

Il campo fotovoltaico si estende su 400.000 metri quadrati ed utilizza la superficie di un aeroporto militare dismesso e ha richiesto un investimento di 130 milioni di euro.

A regime, l'impianto produrrà annualmente 40 milioni di kilowattore e dopo un solo anno di funzionamento avrà recuperato tutta l'energia necessaria per la sua realizzazione.

L'obiettivo della JUWI, la società tedesca che lo ha realizzato, è quello di rendere competitiva l'energia fotovoltaica entro pochi anni e in tal modo dare l'autosufficienza energetica alle abitazioni che installano tetti fotovoltaici.

Nel frattempo a Monfalcone è stato inaugurato il più grande impianto fotovoltaico installato ad uso industriale da una azienda privata.
L'impianto è collocato sul tetto della Società Bulloneria Europea (SBE) e ha una superficie di 8.200 metri quadrati, con una potenza elettrica di picco di 500 chilowatt. L'energia elettrica prodotta con il Sole corrisponde al 10% dei consumi elettrici dell'azienda, che produce annualmente 55 mila tonnellate di viti e bulloni.
Questa scelta fa parte della strategia "verde" dell'azienda che recupera gli oli minerali esausti e rigenera l'acido solforico utilizzato nei suoi cicli produttivi producendo anche solfato di ferro, sottoprodotto della pulizia con acido dei bulloni , che viene venduto al mercato floro-vivaistico.
Positivo per l'ambiente anche un impianto di cogenerazione a metano per 2,5 megawatt.
Unico neo per la SBE il progetto di realizzare una centrale termoelettrica alimentata ad olio vegetale. Temiamo che si tratti di olio di palma importata dall'Indonesia, frutto avvelenato degli incentivi (Certificati Verdi) dati a scatola chiusa a chi produce elettricità bruciando "biomasse". Vedi Post del 30 Agosto 2007.