Translate

giovedì 10 maggio 2012

Io differenzio COREPLA brucia

Che circa la meta' delle plastiche miste raccolte in modo differenziato sia incenerito non e' una novità.

La scusa e' che sono troppo sporche per essere riciclate.  E la "sporcizia", spesso, e' la presenza di plastica non da imballaggio: giocattoli, cd, rasoi, spazzolini, forchette e cucchiai usa e getta...

 Il problema vero e' che senza plastica gli inceneritori non stanno in piedi e dato che spesso chi gestisce questi impianti e' lo stesso che fa la raccolta differenziata, il palese conflitto di interesse spiega il tutto.

Quello che non mi torna nel comunicato ANSA che potete leggere in coda,  e'  avere accumunato riciclo ed incenerimento di plastiche post consumo, nel risparmio di 770.000 tonnellate di anidride carbonica in atmosfera ottenuto grazie alla raccolta differenziata delle plastiche.

I risparmi di gas clima alteranti, di energia, di inquinamento si ottengono solo con il riciclo e il riuso delle plastiche.

L 'incenerimento delle plastiche, ricavate dal petrolio con grandi consumi energetici, e' un costoso  spreco energetico, fatto pagare tre volte al consumatore: con il contributo Consorzio Nazionale Imballaggi quando il consumatore acquista una merce imballata con la plastica, con la Tassa Rifiuti e con la tassa per incentivare le fonti di energia rinnovabile sulla bolletta della luce, tassa che si riconosce alle plastiche trattate dall' inceneritore di Acerra, con la scusa dell'emergenza.

E ovviamente l'incenerimento di plastiche, vista la loro origine fossile, aumenta l'emissione di anidride carbonica in atmosfera: circa tre volte di più della anidride carbonica emessa con il riciclo della stessa quantità di plastica.

Ci sono poi da mettere in conto tutti gli inquinanti prodotti dall' incenerimento e assenti o emessi in minore quantità dal riciclo.

Ambiente: nel 2011 recuperate 1,4 mln tonnellate plastica Piu'7% raccolta differenziata urbana 09 maggio 2012 (ANSA) - 
RHO-PERO (MILANO), 9 MAG -

Nel 2011 in Italia sono state recuperate 1,4 milioni di tonnellate di imballaggi in plastica. Un dato, diffuso in occasione del salone Plast a Fieramilano, che conferma, spiegano gli organizzatori della rassegna, come l'Italia ha da tempo superato i limiti minimi definiti dalle direttive europee. Nel dettaglio, il riciclo complessivo degli imballaggi in plastica (da raccolta urbana e industriale) ha superato le 745.000 tonnellate mentre quelli termovalorizzati, riutilizzati cioe' come combustibili per produrre energia, sono arrivati a 662.000 tonnellate. In particolare, la raccolta differenziata urbana effettuata dal Corepla (il Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclaggio e il recupero dei rifiuti di imballaggi in plastica, presente in questi giorni in fiera) e' cresciuta l'anno scorso del 7% rispetto all'anno precedente, per un totale di 657 mila tonnellate (quasi 11 kg pro capite), di cui oltre 390.000 tonnellate destinate al riuso e oltre 225.000 avviate al recupero energetico. In questo modo sono state risparmiate emissioni di CO2 in atmosfera per 770 mila tonnellate.