Translate

lunedì 2 novembre 2009

4° concorrente Compostiere Fai Da Te

4° Concorrente Compostiera fai da te
4° Concorrente


Commento dell'autore, che presenta due diverse compostiere, entrambe in concorso: 
Questa compostiera nasce per risolvere i due più grandi problemi della precedente: il prelievo dell'humus e la tendenza a  mantenere troppo umido il materiale.

Stesso tipo di bidone, recuperato da una ditta di sott'aceti; gli ho tolto il fondo e praticato dei fori da 20 mm  vicino alla base, ho poi capovolto il contenitore sopra tre blocchi di tufo (nella foto si vede dell'erba tra i blocchi; l'ho sistemata là per caricare la prima volta la compostiera, in modo che fungesse da "tappo"poi , in seguito, il materiale da compostare rimane su da solo) e ho iniziato a riempirlo: la forma ad imbuto della zona inferiore della compostiera fa si che il materiale in via di compostaggio resti all'interno della compostiera, mentre solo il compost maturo  esce all'esterno, compost  che raccolgo ogni tanto con una palettina, senza alcuna difficoltà.L'effetto camino,  creato dai fori più grandi  nella zona superiore, è sorprendente e la massa messa a compostare, non deve essere rimescolata. Attivata questa seconda compostiera ho ottenuto compost maturo gia dopo 5-6 settimane; successivamente,  ogni giorno, ne
raccolgo un mezzo secchiello e la produzione è pressochè doppia rispetto all'altro composter.
Mio commento: non escludo che il colore nero del contenitore lo trasformi in un collettore solare; questo facilita il mantenimento di alte temperature all'interno della compostiera grazie all'apporto del calore sviluppato dall'energia solare assorbita,  che si aggiunge al calore sviluppato dall'attività microbica.

Una elevata temperatura interna, (sarebbe interessante misurarla con una sonda e termometro elettronico) accelera il compostaggio, evita l'eccessiva umidità interna e facilita l'effetto camino, ovvero il flusso di aria calda (più leggera) dal  basso verso l'alto, il quale, a sua volta, aumenta la disponibilità di ossigeno ai microorganismi compostatori, senza necessità di rimescolamento.